Sette chilometri separano Gragnano da Lettere, due paesini della incantevole Penisola Sorrentina, che danno il nome a due vini della cultura enoica campana. Vini frizzanti prodotti dalla vinificazione di uve autoctone, alcune coltivate solo in questa zona.

Salvatore Martusciello ne usa ben otto per i suoi Lettere e Gragnano Ottouve, Doc Penisola Sorrentina: piedirosso e aglianico in prevalenza, combinati a sciascinoso, suppezza, castagnara, olivella, sauca e surbegna. Stessi vitigni, ma altitudine ed esposizione diversa conferiscono a questi vini una diversa identità.

Fresco e fragrante, il Gragnano profuma di fragola, lampone e fiori di lillà, con una immediatezza olfattiva sorprendente e una vivace effervescenza. Al gusto si avverte un succoso aroma di frutta rossa appena morsa.

Simile nel colore purpureo con sfumature violacee, il Lettere ha un olfatto più elegante e maturo di ciliegia e viola, un’effervescenza più pacata e avvolgente con un sorso coerente e un’ottima persistenza.

Leggermente abboccati e di bassa gradazione alcolica (11,5%), entrambi i vini, serviti ad una temperatura tra i 10° e i 12°, si sposano perfettamente alle pietanze tipiche della tradizione gastronomica partenopea come la pizza napoletana e la pasta allo scarpariello. Provare per credere!

Letto 412 volte
Restiamo in contatto!
Ci piacerebbe restare in contatto per informarti di tanto in tanto delle nostre iniziative ed eventi di degustazione. Promettiamo di inviarti non più di 4 mail per anno.

Abbina cibo e vino
Il vino perfetto da abbinare a qualsiasi ricetta grazie all'algoritmo magicpairing.
SCARICALA GRATUITAMENTE