Uno dei tour più belli e gustosi della vita? Quello tra le migliori cantine di Bordeaux.

Non per nulla Bordeaux è stata eletta città del vino, con il famoso La Cité du Vin, citato da National Geographic come settimo museo migliore al mondo. Centro storico della Gallia, Bordeaux divenne un importante polo commerciale in epoca romana, per la sua favorevole posizione lungo la Garonna che le permetteva un accesso diretto all’Atlantico. Il vino è da tempo immemore parte della sua storia nonché cultura. Le prime menzioni di un fiorente commercio di prodotti enoici risalgono al XII secolo quando, attraverso il matrimonio di Eleonora d’Aquitania con il futuro re d’Inghilterra Enrico II, s’inaugurò un’importante rotta commerciale, Francia – Gran Bretagna. Una tratta che restò a lungo fiorente, per arrivare ai giorni nostri, con un’acquisita indipendenza degli Château che oggi producono i loro vini e li imbottigliano autonomamente. Da qui la celebre dicitura “Mise en bouteilles au Château” che puoi leggere su ogni bottiglia di quelle prodotte nelle magnifiche tenute che sto per presentarti. Cantine? Troppo riduttivo, gli Château sono il segno distintivo del paesaggio vinicolo bordolese.

La Cité du Vin a Bordeaux
La Cité du Vin a Bordeaux

Bordeaux: terra di grandi Château e Cuvée

Quando si parla di Bordeaux, si parla di Château storici che curano vigne secolari che, nonostante le devastazioni della filloserra, in tutta Europa, hanno saputo risorgere grazie all’intraprendenza di molte aziende e vigneron. La qualità dei rossi di questa regione francese è nota in tutto il mondo. Famosi sono i cosiddetti “tagli bordolesi”, perché le migliori cantine di Bordeaux sanno bene come creare le loro magiche Cuvée, fondendo insieme il potere di tre uve diverse: Merlot, Cabernet Sauvignon e Cabernet Franc. Infine, come non citare la particolarità di uno dei vini dolci più famosi al mondo: quel Sauternes che viene prodotto nella zona meridionale del bordolese da uve locali di Sémillon, Muscadelle e Sauvignon Blanc, fruttuosamente colpite dalla “muffa nobile”.

Grandi rossi, inimitabili muffati, le migliori cantine di Bordeaux hanno tanto da offrire, molto da raccontare. Seguici in questo viaggio per scoprire il fascino di una delle regioni vinicole più celebrate al mondo.

Bordeaux: la classificazione dei migliori terroir

A Bordeaux è nata la prima classificazione qualitativa dei vigneti, relativa alle uve e ai vini prodotti nel Médoc, nel Sauternais e nelle Graves. Avrai sentito parlare di Premier Cru, Cru Classé, Grand Cru Classé e così via. Ebbene, questa differenziazione è stata stilata nel lontano 1855, come una vera e propria mappa qualitativa dei terroir e dei vini prodotti a Bordeaux, nelle regioni del Médoc, Graves e Sauternes.  Ecco quindi, per te, un elenco utile per capire alcune delle più importanti diciture che s’incontrano assaggiando i vini di Bordeaux.

Classificazione delle vigne del Médoc

  • Premiers Crus
    • Château Lafite Rothschild, Pauillac
    • Château Latour, Pauillac
    • Château Margaux, Margaux
    • Château Haut-Brion, Pessac (Graves)
    • Château Mouton Rothschild, Pauillac (aggiunto nel 1973)
  • Deuxiemes Crus
  • Troisièmes Crus
  • Quatrièmes Crus
  • Cinquièmes Crus

Classificazione delle vigne del Sauternes

  • Premier Cru Superieur
    • Château d’Yquem
  • Premier Cru
  • Second Cru

Classificazione delle vigne di Saint-Émilion

Un secolo più tardi, una simile classificazione è stata adottata anche per raccontare il territorio di Saint-Émilion, sulla riva destra della Garonna. Ancora una volta si tratta di una suddivisione qualitativa, nata per mettere in evidenza il pregio di alcune vigne e terroir.  

  • Premier Cru Classé A
    • Château Cheval Blanc
    • Château Ausone
    • Château Angelus
    • Château Pavie
    • Château Pavie
    • Château Pavie
    • Château Pavie
  • Premier Grand Cru Classé B
  • Grand Cru Classé di St. Emilion
  • Grand Cru

Bordeaux: le zone principali

L’areale di Bordeaux si articola in 4 principali macro zone che si distinguono per una produzione vinicola diversa, dove alcuni vitigni sanno “cantare” meglio di altri nella creazione delle Cuvée.

Partendo da Ovest verso Est, troviamo:

Il Médoc

Il Médoc costituisce una penisola racchiusa tra l’Atlantico e l’estuario del fiume Gironda. Questa regione vitivinicola bordolese si estende per circa 80 Km, dal borgo di Blanquefort, poco più a Nord di Bordeaux, fino alla Point-de-Grave, situata sulla riva sinistra della Gironda.

Nella zona del Médoc si producono vini rossi intensi e raffinati, dove il protagonista è il Cabernet Sauvignon, seguito dal Merlot e, in minor percentuale, dal Cabernet Franc, dal Malbec e dal Petit Verdot. Le uve coltivate nel Médoc si sviluppano alla perfezione, grazie a un terreno ciottoloso, profondo e ben drenante, ricco di marne e argille, che aiuta le uve a maturare in completezza. Il risultato sono Cuvée intense, nel colore, nei profumi e nel sapore, per il ricco e deciso carattere del Cabernet, ed elegantemente morbide, grazie al contributo del Merlot. E’ questa l’area del bordolese dove sorgono le celeberrime denominazioni di Pauillac e Margaux, a pieno titolo nel gotha dei rossi mondiali.

Graves e Sauternes

Più a Sud della zona del Médoc, alla base dell’omonima penisola, in un’area delimitata a Est dallo scorrere del fiume Garonna, troviamo una terra speciale, dove le uve bianche e rosse insieme riescono a dominare la scena. La zona delle Graves, che prende il nome dal suo caratteristico suolo ciottoloso, formato da depositi alluvionali, è terra di ottimi rossi, a base soprattutto di Merlot, e dei bianchi migliori del bordolese. Nell’ampia zona delle Graves sorge la famosa AOC di Pessac-Léognan, dove il particolare terroir dona nuovo potere al Cabernet Sauvignon. Un’Appellation diventata famosa anche per la qualità e la pienezza dei suoi Sauvignon Blanc: comete bianche in un universo di rossi.

 Più a Sud, s’incontrano i luoghi dell’AOC Sauternes, segnati da un microclima particolare che permette la formazione della Botryts Cinerea. Questa muffa, attaccando i grappoli, favorisce una lenta disidratazione degli acini che concentrano la loro carica zuccherina e acquistano sfumature aromatiche uniche. Così nasce la magia dolce dei Sauternes.

Il borgo di Saint-Émilion - le migliori cantine da visitare a Bordeaux
Il borgo di Saint-Émilion

Saint-Émilion e Pomerol

Passiamo nel quadrante Ovest dell’ampia AOC di Bordeaux, dove troviamo le Appellation di Saint-Émilion e Pomerol.

La  denominazione di Saint-Émilion prende il nome dall’omonima pittoresca cittadina medioevale, patrimonio dell’Unesco. Una zona che comprende solo 9 comuni con più di 800 viticoltori, per un paesaggio letteralmente dominato dai filari di vite.

In questo particolare territorio collinare, che si estende dalla città di Libourne lungo il corso del fiume Dordogna, trovano dimora eletta soprattutto le uve di Merlot. Qui coltivate e utilizzate in taglio con gli altri vitigni principi della zona, il Cabernet Franc e il Cabernet Sauvignon, regalano dei vini dall’aromaticità raffinata e dal gusto vellutato.

L’area di Pomerol è racchiusa tra il fiume Barbanne e la città di Libourne, ed è confinante, più a Sud, con la zona di Saint-Émilion. Un terroir di soli 800 ettari, caratterizzato da un clima continentale e dotato di un suolo particolarmente uniforme, formato da argille, sabbie e ciottoli. Anche qui la superficie vitata vede vincitore il Merlot che, in questo terroir speciale, regala nettari profumatissimi, saporiti, morbidi e persistente, perfetti per accompagnare primi e secondi a basi di carni rosse e, soprattutto, di cacciagione.


Per scoprire le ricette migliori da abbinare ai vini di Bordeaux, dai un’occhiata a questo articolo.

Tour tra le migliori cantine di Bordeaux – Itinerario

Chiarite le principali zone bordolesi, in cui scoprire tenute e ottimi vini, andiamo a organizzare il nostro tour tra le migliori cantine di Bordeaux. Cominceremo le nostre avventure gustative nella raffinata area del Médoc per scendere poi a Sud verso l’Appellation Margaux. Un viaggio che prosegue superando Bordeaux, approdando nelle Graves e, infine, nella dolce zona del Sauternes.

Infine, il percorso si sposta ad Est, per saggiare il fascino dei sempre più apprezzati rossi di Saint-Émilion e Pomerol.

Migliori cantine da visitare a Bordeaux - Itinerario
Migliori cantine da visitare a Bordeaux – Itinerario

Le migliori cantine da visitare a Bordeaux – Il Médoc

Dalla punta estrema della penisola, affacciata sull’Oceano, fino alla speciale denominazione di Margaux, il tour tra le migliori cantine del Médoc è una vera walk of fame a tema vino … che non vedi l’ora di percorrere. Ecco alcune mete imperdibili pensate per rendere indimenticabile il tuo viaggio.

Château La Branne

Grandi Cuvée bordolesi ti aspettano allo Château La Branne. Una cantina che sorge in un contesto tranquillo, vicino al borgo e al boschetto di Courbian. Una location ideale per riposare la mente e il corpo, degustando ottimi vini in un ambiente dove il rispetto della natura è alla base di tutto. Qui potrai saggiare, anche gratuitamente, il fascino delle tre uve coltivate nei terreni variegati della Tenuta, dove Merlot, Cabernet Sauvignon e Cabernet Franc trovano il loro modo di raccontarsi al meglio, grazie alle cure della famiglia Fabienne. Gli stessi proprietari ti accoglieranno e ti guideranno alla scoperta delle loro vigne e dei nettari prodotti, per una visita che lascia un ricordo indelebile, con la sua piacevolezza a tutto tondo.

Château La Branne in Médoc - migliori cantine Bordeaux
Château La Branne

Château Pichon Baron

Andando più a Sud, si entra in un’area del Médoc conosciuta come Haut-Médoc. E’ qui che sorge la famosa AOC di Pauillac, in cui lo Château Pichon Baron è una meta imperdibile. Già lo Château è un vero e proprio maniero, imponente ma raffinato. Gli stessi aggettivi si possono usare per descrivere i nettari prodotti. Rossi di carattere, intensi e raffinati, che si fanno ricordare senza risultare invadenti o forzuti. Una classe che viene raccontata con garbo e passione in ogni tour. Di fronte a uno Château così il visitatore potrebbe intimidirsi,  in fondo sono secoli che qui vengono prodotti vini eccellenti. Il tour e la degustazione, però, sono portati avanti con quel perfetto savoir-faire che mette tutti ad agio.

Château Pichon Baron migliori cantine Bordeaux
Château Pichon Baron

Château Lascombes

Allo Château Lascombes ti si apriranno i cancelli dell’eleganza: davvero un luogo spettacolare, nel cuore dell’AOC Margaux. Visitando questo castello, risalente al 1600 e in parte ricostruito nel secolo scorso, ammirerai architetture diverse che hanno cavalcato la storia, tra lussi antichi e modernità. Un luogo magico che quasi ti fa dimenticare, per un attimo, il motivo della tua visita. Già, perché il vino è il primo sovrano di questo maniero. Allo  Château Lascombes potrai scegliere tra diversi percorsi di visita, tutti dall’incredibile rapporto qualità prezzo. Soprattutto, scoprirai lo charme indiscusso  del loro Grand Cru Classé, da sorseggiare in un contesto dove charme e accoglienza sono un tutt’uno.

Château Lascombes migliori cantine Bordeaux
Château Lascombes

Château Marquis de Terre

E’ difficile abbandonare l’AOC Margaux, specie se ti imbatti nello Château Marquis de Terre, nel cuore della cittadina. Un’antica dimora nobiliare, costruita nel 1762, abitata da diverse famiglie  dopo la Rivoluzione Francese e Maison eletta di Thomas Jefferson, quando era ambasciatore in Francia e non ancora presidente degli Stati Uniti. Durante la sua permanenza allo Château Marquis de Terre, lo stesso Jefferson notò l’incredibile qualità dei vini prodotti nelle terre della Tenuta e segnò i rossi dello Château tra i migliori mai assaggiati nella sua vita.

Un Grand Cru Classé che oggi puoi assaporare di persona, scegliendo tra i diversi percorsi di degustazione e visita proposti in questo Château, dove la storia ha saputo aprirsi con modernità e calore verso il futuro e tutti gli appassionati di vino. Ecco perché i tour dello Château Marquis de Terre sono così accattivanti. Non solo assaggi ma anche itinerari in bicicletta tra le vigne, verticali delle migliori annate dei loro Grand Cru Classé, esperienze di abbinamento speciali, con protagonisti i rossi della Tenuta accanto alla cioccolata. Tanti assaggi segreti ti aspettano in questa Tenuta.

Tour fantastici e e degustazioni memorabili: non c’è modo migliore di lasciare il Médoc, almeno per questa prima visita.

Château Marquis de Terre migliori cantine Bordeaux
Château Marquis de Terre

Le migliori cantine da visitare a Bordeaux – Graves e Sauternes

Tocchiamo Bordeaux e ci spostiamo leggermente a Sud, in quella che un tempo veniva chiamata Aquitania. Qui, a due passi dalla Città del Vino incontriamo l’Appellation di Pessac-Léognan, patria di ottimi rossi e bianchi bordolesi. Infine, seguendo il corso della Garonna e superando il fiume Ciron, ecco che arriviamo nel paradiso dei vini muffati … quel Sauternes che tutto il mondo conosce. Questo tour tra le migliori cantine di Bordeaux non fa che migliorare!

Château Smith Haut Lafitte

Un luogo speciale per gli appassionati  di vino e, allo stesso tempo, per chi vuole solo godere delle bellezze del la regione.  Sei nella campagna di Léognan, a pochi Km da Bordeaux, nel cuore della più rinomata Appelation delle Graves. In questo magnifico Château sono tante le esperienze da fare, per scoprire tutto l’impegno che si cela dietro alla produzione dei Grand Cru Classé del posto. Già le vigne hanno tanto da rivelare, così ricche di biodiversità. Filari vitati circondati da boschi, frutteti, alveari. Una campagna ricca dove le piante si sviluppano in sinergia e dove è stato allestito un percorso sensoriale per apprezzare appieno la forza della natura locale. Le stesse erbe officinali, coltivate alla Tenuta vengono utilizzate per preparare decotti con cui aromatizzare le piante di vite. Un impegno alla valorizzazione dell’ecosistema che prosegue anche in cantina dove il design moderno è stato applicato alla realizzazione di un sistema produttivo efficiente, dove le operazioni sfruttano la gravità per un minore dispendio energetico.

Un’antica Tenuta dove la qualità dei nettari, nota già nel 1300, ha continuato a crescere e dove tutto l’impegno si percepisce nei calici. Una visita in cui puoi davvero immergerti nella realizzazione dei grandi nettari bordolesi … perché qui anche le uve bianche sono regine. Una location suggestiva oltreché buona, dove è anche possibile mangiare, scegliendo tra i menù degustazione proposti, e persino organizzare un ricevimento.

Château Smith Haut Lafitte migliori cantine Bordeaux Graves
Château Smith Haut Lafitte

Château Lafaurie Peyraguey

Che Château! Nel cuore dell’AOC Sauternes sorge un maniero storico che oltreché cantina è ristorante e hotel di charme, a pieno titolo parte del gruppo Relais e Château. Se ogni soggiorno e ogni pasto sono simbolo di eccellenza, lo sono anche le esperienze in campo enoturistico. Occasioni in cui potrai ammirare gli ambienti della tenuta, la cantina dove i nettari riposano, scoprire il loro Sauternes classificato come Premier Grand Cru Classé, magari anche accompagnato da preziosi assaggi culinari. Percorsi degustazione da veri gourmet dove l’attenzione al pubblico è al primo posto. Anche per i bambini e i non maggiorenni sono previsti dei drink, gustosi e non alcolici, affinché non si sentano esclusi.  

Per un’esperienza enologica a 5 stelle … da proseguire magari con un pernottamento allo Château o una sosta al loro ristorante.

Château Lafaurie Peyraguey Sauternes
Château Lafaurie Peyraguey

Le migliori cantine da visitare a Bordeaux – Saint-Émilion e Pomerol

Ci lasciamo Bordeaux alle spalle per entrare nella regione del Libournais, ammirando le dolci colline che dal fiume Dordogna costellano il paesaggio che va a circondare il borgo di Saint-Émilion e, poi, più a Nord quello di Pomerol. Un’area vitivinicola dopo il re Merlot lavora in sinergia con il Cabernet Franc per dar vita a rossi di grande ricchezza e, allo stesso tempo, eleganza e piacevolezza.

Dove è possibile assaggiarne tutta la magia? Ecco alcune mete ideali.

Château La Gaffelière

La storia di questo Château è costellata di fascino e bontà. Secondo la leggenda locale, le terre che oggi fanno parte della Tenuta, sarebbero state coltivate a vite sin dal periodo romano, addirittura dal saggio Ausone,  nel IV secolo d.C.

Una visita in cui puoi toccare con mano la storia, anche solo ammirando i mosaici romani rinvenuti in loco. Non stupisce che, con tali potenzialità, questo Château sia stato annoverato tra i primi Grand Cru Classé di Saint-Émilion nella classificazione ufficiale del 1955.

Da tre secoli è la famiglia Malet Roquefort che si dedica alla creazione di vini eccezionali, capaci di sfidare il tempo. Oggi, la bontà dei vini dello Château La Gaffelière è alla portata di tutti, grazie a visite prenotabili facilmente online e personalizzabili, in cui l’accoglienza calorosa è la prima parola d’ordine e dove ogni spiegazione viene offerta in amicizia. Uno Château che, pur potendo, non si dà arie. Quella visita che consiglieresti anche a famigliari e amici che vogliano conoscere il fascino dei rossi bordolesi pur senza esperienza.

Château La Gaffelière migliori cantine Bordeaux Saint-Émilion
Château La Gaffelière

Château La Grâce Dieu

Un’altra tenuta storica, a pochi Km da Saint-Émilion. Qui, molto probabilmente, si produceva vino sin dal Medioevo, poiché la dimora “La Grâce Dieu” era casa dei monaci cistercensi. Uno Château  antico che, dopo la seconda guerra mondiale, è stato acquisito della famiglia Dubreuilh, già esperti vignaioli. Oggi la ricchezza dei terreni della proprietà continua ad affascinare: un mosaico di suoli diversi, perfetti per esaltare in tante sfumature differenti le doti migliori del Merlot e del Cabernet Franc, protagonisti della Tenuta.

I nettari dello Château La Grâce Dieu, classificato come Grand Cru di Saint-Émilion, ti mostreranno, a un prezzo appetitoso, l’eleganza dei profumi dei rossi di questa zona Libournais e la loro incredibile bevibilità e abbinabilità con il cibo.

Château La Grâce Dieu Saint-Émilion
Château La Grâce Dieu

Château Beauregard

Spostiamoci a Nord, verso Pomerol. Poco più a Sud del celebre borgo, troviamo lo Château Beauregard, luogo ideale per una visita di giorno come di notte. Alla luce del sole, potrai ammirare i vigneti che circondano la Tenuta e, a sera, potrai contemplarne la romantica magia alla luce delle stelle. Una sosta che si prolunga grazie al restauro di un antico edificio annesso alla tenuta che oggi ospita un relais di charme, dove comfort, design e natura si fondono.  Già la storia dello Château Beauregard è  affascinante. Nell’XI secolo era una tenuta data in usufrutto all’ordine dei Cavalieri Ospitalieri di San Giovanni, un ramo dell’ordine templare, che ne curavano le terre e ne amministravano i possedimenti. Proprio alla loro presenza si deve lo storico stemma della croce che, tutt’oggi, veste le etichette dei vini che vi si producono. Cinque secoli dopo arrivò la famiglia Beauregard e costruì sul posto il magnifico Château che puoi ammirare oggi, secondo lo stile dell’epoca. Se già l’apparenza è promettente, i vini della tenuta mettono subito in mostra il vanto di Pomerol: uve di Merlot trasformate in un nettare sopraffino, morbido, sontuoso, persistente. Una raffinatezza che, provata in loco, ha ancora più fascino.

Château Beauregard migliori cantine a Pomerol
Château Beauregard

Château Tournefeuille

Facendo tappa allo Château Tournefeuille difficilmente vorrai lasciare la regione di Bordeaux. Qui puoi soddisfare tutti i tuoi desideri, unendo assaggi golosi, un tuffo nella storia, relax e comfort, il tutto circondato da quell’allure che puoi trovare solo in uno Château bordolese.

Le vigne della Tenuta sono, da sole, un maestoso spettacolo della natura. Per questo scenario incantevole, a pochi Km dal borgo di Néac, questo Château viene spesso scelto per ospitare eventi. Non immaginare però, una dimora lussuosa, perché la tradizione e l’eleganza camminano assieme in questo Château, dove puoi respirare il legame con la terra e sentirti sempre a tuo agio, in un contesto dove la genuinità è padrona, nei vini come nell’accoglienza.

 Château Tournefeuille migliori cantine Bordeaux Pomerol
Château Tournefeuille

Vuoi scoprire altre cantine nella zona di Pomerol e Saint-Émilion, allora non perdere i consigli anche di questa nostra breve guida.

Quali sono le migliori cantine da visitare Bordeaux secondo la tua esperienza?

Un viaggio tra le migliori cantine di Bordeaux deve, per forza, cesellare un itinerario. Quando sarai sul posto, ti renderai conto del gran numero di Tenute e cantine che costellano questo territorio, rendendo il vino uno dei punti di forza del turismo e della cultura locale. Hai già avuto modo di conoscere i vini e l’areale di Bordeaux?  Se hai degli Château da suggerire, con cui ampliare questo nostro tour, riportale nei commenti!

Letto 1.350 volte
Restiamo in contatto!
Ci piacerebbe restare in contatto per informarti di tanto in tanto delle nostre iniziative ed eventi di degustazione. Promettiamo di inviarti non più di 4 mail per anno.

Abbina cibo e vino
Il vino perfetto da abbinare a qualsiasi ricetta grazie all'algoritmo magicpairing.
SCARICALA GRATUITAMENTE