Il vino “dell’indovino”, mantis-eos, questa è probabilmente l’etimologia greca da cui deriva il nome Mantonico che richiama le sue origini antiche e mistiche. Un vino dalle proprietà profetiche per gli indovini e i sacerdoti della Locri Epizefiri, usato per rituali sacri ed esoterici.

In passato, però, le sue doti enologiche sono state messe in ombra e le uve di Mantonico furono destinate alle tavole dei paesi del Nord Europa e usate in pasticceria per la dolcezza della polpa dei suoi acini.

Per le sue caratteristiche morfologiche e organolettiche, fino a non molto tempo fa il Mantonico è stato confuso con altre varietà, come il Trebbiano e il conterraneo Greco Bianco. Dopo diverse analisi e confronti genetici, solo nel 2014 è riuscito ad ottenere il riconoscimento ufficiale con l’iscrizione nel Registro Nazionale della Vite e dell’Uva.

La sua culla d’origine, la costa ionica calabrese, è rimasta la sua terra d’elezione, dove le vigne trovano nutrimento nei terreni argillosi-calcarei della zona.

Il Mantonico viene usato, soprattutto, in assemblaggio con altre varietà autoctone e per la produzione di vini passiti. Più difficile e rara è, invece, la vinificazione in purezza, sperimentata da alcune aziende anche con pratiche di affinamento sui lieviti e evoluzioni in legno.

Efeso Val di Neto Bianco IGT Calabria 2016 di Librandi è un eccellente risultato di questo “esperimento”.

Il nome di fantasia del vino forse ha un legame con le origini del Mantonico e ci conduce nell’antica colonia greca dell’Anatolia (oggi città turca), fiorente polo commerciale marittimo e sede del Tempio di Artemide, una delle sette meraviglie del mondo antico dove si svolgevano culti sacri in onore della Dea della caccia e dei campi coltivati.

Vinificazione e note di degustazione

L’Azienda ha voluto testare la struttura e le capacità evolutive di questo vino con una fermentazione direttamente in barrique cui segue, sempre in botte, un affinamento sui lieviti per circa 8 mesi e un’ulteriore sosta in bottiglia, prima della messa in commercio, di almeno un anno.

Come anticipato, il risultato è davvero ottimo e la degustazione stimolante sotto ogni profilo sensoriale.

Alla vista il colore è di un giallo oro brillante e vivace; da una leggera rotazione del calice si percepisce già la corposità del vino.

Il naso è invaso da note profumate di piccoli fiori gialli come la ginestra e bianchi come il gelsomino, accompagnati da sentori di polpa di pera matura, pappa reale e sfumature minerali.

In bocca si avverte una piacevole consistenza tattile, corpo e rotondità, con un buon equilibrio tra sapidità e acidità che attenuano il calore del sorso.

Il finale salmastro persistente e delicato, con rimandi fruttati e note citrine ben si accompagna ai sapori freschi e intensi di un piatto di paccheri con baccalà e pomodorini pachino.

È la conferma che un vino bianco può avere delle evoluzioni sorprendenti grazie alle caratteristiche intrinseche del vitigno e alle abilità umane in vinificazione.

Letto 231 volte
Restiamo in contatto!
Ci piacerebbe restare in contatto per informarti di tanto in tanto delle nostre iniziative ed eventi di degustazione. Promettiamo di inviarti non più di 4 mail per anno.

Abbina cibo e vino
Il vino perfetto da abbinare a qualsiasi ricetta grazie all'algoritmo magicpairing.
SCARICALA GRATUITAMENTE