L’ultima edizione di Untold dedicata al Nobile di Montepulciano ha messo in luce diverse cantine che si sono contraddistinte per le caratteristiche e per la qualità dei loro vini. Alcune di queste hanno ricevuto non solo il massimo punteggio di Decanto, ovvero i 3 Cavatappi, ma anche alcuni premi speciali assegnati dai nostri esperti. Una di queste è l’Azienda Manvi con il loro Nobile di Montepulciano Riserva Ojas, alla quale abbiamo assegnato il premio di Miglior Cantina Emergente.

La storia di Manvi: dall’India a Montepulciano

E’ un’azienda nata da un sogno, quello di Puru e Sudha Manvi, marito e moglie e attuali proprietari di questa giovane cantina a conduzione famigliare. La storia della famiglia Manvi parte da lontano, dall’India, il loro paese di origine, passando poi per la Svizzera dove Puru e Sudha hanno intrapreso per diversi anni la carriera bancaria.

Tuttavia la loro passione per l’Italia, per lo yoga ed in particolare per il vino li ha portati a prendere la decisone di abbandonare le loro affermate carriere e trasferirsi a Montepulciano, dove, nel 2015, il loro sogno è diventato realtà con la fondazione della cantina che porta il loro nome: Manvi.

La famiglia Manvi

Manvi, una piccola realtà famigliare

L’Azienda è situata appena a Sud di Montepulciano, su una collina da da cui si può godere un’ottima vista di questo splendido paese rinascimentale. Qui Manvi possiede circa 7 ettari vitati dove spicca innanzitutto il Sangiovese, localmente chiamato Prugnolo Gentile, Re indiscusso della viticultura locale con il quale si produce il Nobile di Montepulciano Arya e la Riserva Ojas che ha ricevuto il premio di Decanto. Poi Malvasia e Trebbiano Toscano con i quali la cantina Manvi produce il tipico Vin Santo di Montepulciano ed infine piccole quantità di Merlot e Cabernet Sauvignon che riescono a trovare un terroir molto adatto sulle colline senesi.

 Nonostante quello che si possa pensare dalla loro storia, i Manvi si sono legati strettamente alla tradizione locale per la produzione dei loro vini, cercando sempre un legame con il territorio e soprattutto un’accurata attenzione per l’ambiente. La cantina Manvi infatti è certificata biologica fin dal 2003, una viticoltura quindi priva di fertilizzanti, pesticidi ed erbicidi. La produzione limitata permette poi di gestire l’azienda direttamente in famiglia, seguendo quindi in prima persona tutte le fasi della vinificazione, dalla selezione delle uve raccolte a mano fino all’imbottigliamento.

Il Nobile di Montepulciano Riserva Ojas 2015

Il Nobile di Montepulciano Riserva Ojas di Manvi rappresenta il loro vino di punta e non viene prodotto ogni anno ma solo nelle annate migliori. Questo si traduce in un’attenta selezione delle uve e una produzione limitata. L’Ojas di Manvi è prodotto con Sangiovese in purezza e matura in botti di rovere francese per 30 mesi. Segue poi un altro anno di affinamento in vetro prima della commercializzazione.

La Degustazione

Il Nobile di Montepulciano Riserva 2015 di Manvi presenta un colore vividamente granato di notevole densità, accompagnato da lievi riflessi aranciati. I profumi escono gradualmente dal bicchiere creando una sinfonia olfattiva che parte con la frutta nera come prugna e confettura di cassis e prosegue poi con un turbinio di note speziate e tostate dove è possibile riconoscere il pepe nero, la liquirizia pura, l’anice stellato e i chiodi di garofano. Ad impreziosire questa “musica” c’è anche il mirto, l’alloro e una nota di smalto.

L’Ojas risulta in bocca piuttosto bilanciato: l’alcool e l’affinamento prima in botte e poi in bottiglia donano al vino una piacevole morbidezza e una buona struttura, sorrette dalla verticalità tipica del Sangiovese. Il tannino, nel frattempo, si è ben amalgamato con le altre sostanze e, nonostante sia ben percettibile, non risulta troppo invadente. Un Nobile di Montepulciano Riserva che trova conferma nei suoi profumi dopo la deglutizione, con una sensazione di liquirizia accompagnata da sentori balsamici.

Nobile di Montepulciano Riserva Ojas: con cosa lo abbianiamo?

Essendo in Toscana, non possiamo che abbinare il Nobile di Montepulciano Riserva di Manvi alla Chianina. Le caratteristiche dello Ojas lo rendono perfettamente adatto per esempio ad una bella tagliata di manzo, magari accompagnata da una riduzione di aceto balsamico.  Interessante può anche essere l’abbinamento con un Tournedos alla Rossini, un piatto complesso, succulento e gustoso a base di filetto di manzo servito con foie gras e tartufo a scaglie.

La capacità gastronomica del Nobile di Montepulciano Riserva di Manvi lo rendono molto versatile anche per quanto riguarda l’abbinamento con la carne di agnello per esempio, oppure anche con formaggi vaccini stagionati o, per restare in zona, con un ottimo Pecorino di Pienza.

Letto 19 volte
Restiamo in contatto!
Ci piacerebbe restare in contatto per informarti di tanto in tanto delle nostre iniziative ed eventi di degustazione. Promettiamo di inviarti non più di 4 mail per anno.

Abbina cibo e vino
Il vino perfetto da abbinare a qualsiasi ricetta grazie all'algoritmo magicpairing.
SCARICALA GRATUITAMENTE