Colore rosso sangue su fondo nero, due lettere, una parola: ES.

L’Es o “Ego” è una delle parti della personalità descritte da Sigmund Freud nella sua teoria della personalità: L’Es è la parte della personalità che rappresenta gli istinti, gli impulsi e i desideri più primitivi e animali dell’individuo legati alla soddisfazione immediata del sé, come il bisogno di cibo, acqua, sonno e sesso.

L’Es è guidato dal principio del piacere, cercando sempre di soddisfare i propri bisogni e desideri in modo egoistico e senza considerare gli effetti sugli altri.

Da questi presupposti nasce l’ES di Gianfranco Fino, un vino super-pugliese prodotto a Manduria che non ha bisogno di presentazioni e che si classifica, per scelta, come Salento Primitivo IGT.

L’ES è un vino lussurioso ed egocentrico, primitivo come una violenta e audace trasgressione che si traduce in un’urgenza autoerotica.

Caratteristiche Produttive del Primitivo “ES” 2018 di Gianfranco Fino

L’ES è frutto di una viticoltura biologica effettuata da Gianfranco Fino a cavallo tra Manduria e Sava a 100 metri s.l.m. in un appezzamento di 10 ettari pianeggiante in cui le piante sono allevate ad alberello.

La raccolta del primitivo in purezza è fatta a fine agosto a mano, dopo un leggero appassimento delle uve sugli alberelli vecchi di sessant’anni, in cassette di plastica con attenta selezione dei grappoli e trasporto in camion con cella isotermica.

Una volta svinato l’ES sosta per nove mesi in barrique di rovere francese per metà nuove e per metà di secondo passaggio. Quindi resta ad affinare in bottiglia per ulteriori sei mesi fino a consolidarsi con un titolo alcolometrico di ben 16,0%.

Degustazione del Primitivo “ES” 2018 di Gianfranco Fino

Osservo il vino ruotare nel calice con doverosa e noncurante lentezza, e continuo a notarlo mentre scivola lungo stretti archetti dalle forme geometriche come un cromlech.

Il colore è rosso rubino vivo e profondo, sembra vivo, ardente.

Al naso l’ES ridefinisce il concetto di fruttato mostrando in contemporanea il gusto giovane e brioso della marmellata di frutti rossi fresca e la nota quasi eterea delle amarene sotto spirito.

L’olfatto si completa con una nota speziata amarostica di liquirizia e un sentore balsamico mentolato.

Al gusto è indomabile, profondo come l’IO di Freud, ruffiano come solo il Primitivo sa essere e indubbiamente sbilanciato verso le morbidezze.

E’vellutato e profondamente coerente, con una beva succosa, materica e voluttuosa che ne rende molto difficile l’abbinamento con il cibo.

Ci si inizia a render conto dei 16,0% soltanto quando il vino termina riportandoti a condividere la magia del Natale con i tuoi familiari.

Abbinamento del Primitivo “ES” 2018 di Gianfranco Fino

Noi abbiamo tentato l’abbinamento dell’ES con delle salsicce alla brace, ma non ci è andata bene e la struttura del cibo è stata surclassata da quella del vino.

Ci piacerebbe riprovarlo in abbinamento a un ragù di trachiulelle di maiale o uno spezzatino al sugo di pomodoro oppure a mò di Dolce Naturale in compagnia di un formaggio erborinato.

Se ti è piaciuto questo articolo non perderti la recensione del Negramaro “Jo” 2018 di Gianfranco Fino.

Letto 30 volte
Restiamo in contatto!
Ci piacerebbe restare in contatto per informarti di tanto in tanto delle nostre iniziative ed eventi di degustazione. Promettiamo di inviarti non più di 4 mail per anno.

Abbina cibo e vino
Il vino perfetto da abbinare a qualsiasi ricetta grazie all'algoritmo magicpairing.
SCARICALA GRATUITAMENTE