Il prossimo 22, 23 e 24 febbraio, la città di Salerno sarà l’epicentro di un evento che promette di rivoluzionare la narrazione del vino italiano.

Presso Zeta Enoteca, infatti, si svolgerà la prima edizione di “Untold – Quello che non è ancora stato detto del vino”, un evento unico nel suo genere che mira a rispondere all’annosa domanda: “Quali sono i vini più rappresentativi di un certo terroir?”.

L’innovazione del Progetto

Untold è la prima edizione della guida di Decanto ai vini d’Italia che uscirà nel 2024 in volume cartaceo ed App e che propone una narrazione del vino diversa, fuori dagli schemi tradizionali:

La guida sarà improntata sulla valutazione per confronto di vini ottenuti da 100 coltivazioni monovitigno e blend iconici selezionate, guidati dalla consapevolezza che non esistano vini buoni e vini cattivi, ma soltanto vini più o meno identitari.

E per garantire il rispetto dei nostri principi fondanti soltanto vini di terroir ad alta tipicità regionale che consentano tale confronto prenderanno parte ad Untold.

In particolare, la guida tratterà soltanto le DOC e le DOCG italiane e che saranno degustate rigorosamente alla cieca e a parità di vitigno, terroir ed annata per scovare i vini più rappresentativi delle diverse denominazioni.

Untold un format innovativo, ma collaudato

Untold è un vero e proprio format che negli ultimi due anni ha già raccontato quasi 500 referenze di alcune delle più iconiche DOCG italiane tra cui: Barolo, Barbaresco, Brunello di Montalcino, Nobile di Montepulciano, Chianti Classico, Aglianico del Vulture, Fiano di Avellino, Verdicchio dei Castelli di Jesi e di Matelica.

La peculiarità di Untold risiede nel suo metodo di valutazione in cui una giuria di esperti assaggia e confronta alla cieca vini che condividono le medesime caratteristiche genetiche, territoriali e produttive.

I vini proposti in degustazione sono esclusivamente a marchio DOC e DOCG ottenuti da 100 coltivazioni monovitigno (almeno 80%) e blend iconici (denominati “mix”) e selezionati dal team di Decanto.

Scopri le precedenti edizioni della rubrica Untold.

Untold - Quello che ancora non è stato detto del Vino Italiano

La Giuria di Untold

La valutazione dei vini è stata affidata a sei commissioni, ciascuna formata da 5 esperti di settore con competenze trasversali provenienti da tutta Italia. Questi esperti, che includono sommelier di varie associazioni, enologi e giornalisti, assaggeranno circa 1.500 vini a marchio DOC o DOCG forniti da oltre 500 aziende.

Le commissioni saranno capitanate da figure di rilievo del settore tra i quali oltre a chi scrive – Caporedattore di Untold – possiamo annoverare:

  • Giulia Ferrero, Caporedattrice di Decanto
  • Carol Agostini, Commissario enologico internazionale
  • Gaetano Cataldo, Miglior Sommelier dell’anno 2022
  • Marco Sciarrini, Giudice internazionale
  • Patrizia Vigolo, Giudice internazionale

Questi esperti, insieme agli altri giurati formeranno le commissioni valutatrici dei vini, mentre il coordinamento dell’iniziativa sarà affidato a Luigi D’Acunto, Andrea Annunziata e Simone Federico Giordano.

I criteri di valutazione dei vini

I vini partecipanti alla nascente guida “Untold – Quello che non è ancora stato detto del vino” saranno valutati dai giurati secondo i seguenti criteri, che contribuiscono a definire la visione del progetto:

  1. Attrattività: Quanto il vino è piacevole e invita alla degustazione.
  2. Eleganza/Carattere: Quanto il vino mostra un equilibrio tra le sue componenti e quanto esprime il carattere del vitigno e del territorio di provenienza.
  3. Godibilità: Quanto il vino è piacevole al palato e invita al sorso successivo.
  4. Tipicità: Quanto il vino rispecchia le caratteristiche tipiche del vitigno e del territorio di provenienza.
  5. Coerenza: Quanto il vino è coerente con le aspettative date dalla sua denominazione e dal suo prezzo.
Roberto Garofalo, Sommelier, Wine Blogger e Caporedattore di Untold

Ciascun vino sarà valutato da tutti i membri della commissione e, effettuando la media aritmetica dei punteggi assegnati, saranno decretati i vini più rappresentativi dei diversi terroir.

Alcuni tra i migliori vini che si aggiudicheranno i Tre Cavatappi saranno presentati in anteprima al Paestum Wine Fest nell’unica data di Domenica 24 marzo dalle 12.00 alle 17.00 presso la Sala Chiesa, prenotazione necessaria.

Premi e Riconoscimenti di Untold

Oltre ai Tre Cavatappi, saranno premiati per ciascun terroir: il vino con l’etichetta più bella, il vino con il miglior rapporto qualità prezzo, il miglior vino da invecchiamento e il miglior vino gastronomico.

Saranno inoltre premiate per ciascuna Regione le migliori cantine, cantine emergenti, migliori cantine da visitare in base a qualità dei vini e servizi offerti e, in partnership con RuralHack, le migliori cantine 4.0.

La direzione di Decanto

Con “Untold – Quello che non è ancora stato detto del vino”, Decanto continua a innovare e a portare avanti la sua missione di valorizzazione del patrimonio vitivinicolo italiano, offrendo una nuova prospettiva sul mondo del vino.

La rivoluzione nella narrazione del vino sta per partire ed io non vedo l’ora di iniziare questa avventura per poi scoprire i risultati di questa prima edizione!

Stay Tuned.

Letto 244 volte
Restiamo in contatto!
Ci piacerebbe restare in contatto per informarti di tanto in tanto delle nostre iniziative ed eventi di degustazione. Promettiamo di inviarti non più di 4 mail per anno.

Abbina cibo e vino
Il vino perfetto da abbinare a qualsiasi ricetta grazie all'algoritmo magicpairing.
SCARICALA GRATUITAMENTE