La Basilicata è una regione con un territorio prevalentemente montuoso e collinare. La sua tradizione vitivinicola ha radici nell’azione colonizzatrice dei Greci e dei Fenici, che diffusero la viticoltura a partire dalle colonie elleniche nell’area ionica. Successivamente, i Romani svilupparono la viticoltura nell’areale vulcanico del Vulture.

La regione ha puntato principalmente sui vitigni autoctoni, in particolare sull’aglianico del Vulture, da cui si ottiene l’omonimo vino.

Il clima varia a seconda delle zone passando da un clima mediterraneo sulle coste a moderatamente continentale nelle zone collinari e montuose, per arrivare ad un clima freddo di montagna sulle cime più alte.

Le principali zone viticole includono il Vulture, dove si coltiva l’aglianico del Vulture, e Matera, nota per vitigni bianchi come malvasia bianca e greco bianco. Le colline Metapontine producono vini a base di aglianico e primitivo, mentre le colline Materane coltivano vitigni autoctoni come aglianico, malvasia bianca, moscato bianco e fiano.

In generale si può affermare che la Basilicata offre una varietà di terroir e vitigni tutti interessanti ma pone particolare attenzione alla produzione di vini rossi di qualità.

La superficie totale dei vigneti è di circa 4.000 ettari, di cui il 47% ubicati in territorio montuoso, il 45% in collina e solo l’8% in pianura. A causa di condizioni climatiche estreme e malattie fungine diffuse, la produzione globale di vino, nel 2023, è stata storicamente la più bassa dal 1961 ad oggi con 237 milioni di ettolitri che rappresentano un calo del 10% rispetto al 2022. Questa diminuzione, come già accennato è dovuta alle sfide significative che il settore vitivinicolo ha fronteggiato in quest’annata. Nonostante una diminuzione del volume totale di vino esportato (99 milioni di ettolitri), il valore economico delle esportazioni è rimasto elevato, raggiungendo i 36 miliardi di euro.

Le Denominazioni di Origine

La Basilicata, pur essendo una piccola regione, presenta diverse Denominazioni di Origine ed in totale comprende quattro DOC e una DOCG. Vediamo quali sono:

  • Aglianico del Vulture Superiore DOCG. Questa è la denominazione di origine più prestigiosa della Basilicata, basata sui vini ottenuti dal vitigno Aglianico del Vulture.
  • Aglianico del Vulture DOC. Questa DOC funge da ricaduta per l’omonima DOCG. Qui si producono vini rossi robusti e complessi.
  • Terre dell’Alta Val d’Agri DOC. Situata nella Val d’Agri, questa denominazione comprende vini a base di vitigni come Merlot, Cabernet Sauvignon, Sangiovese e Montepulciano.
  • Grottino di Roccanova DOC. Nella zona di Roccanova, questa DOC offre sia vini rossi che bianchi. I vitigni coltivati includono Merlot, Cabernet Sauvignon e Malvasia.
  • Matera DOC: Qui il Primitivo la fa da padrone, affiancato da Merlot e Cabernet Sauvignon.
  • Basilicata IGT: Questa denominazione include vini di tutte le tipologie e prodotti con tutti i vitigni coltivati nella regione.

Gli Assaggi

Gli assaggi effettuati per eleggere i TRE CAVATAPPI della Basilicata hanno riguardato sostanzialmente l’Aglianico del Vulture un vino che rappresenta l’anima del territorio del Vulture, che si esprime in tutta la sua complessità, eleganza e profondità.

Questo vino affascina i sensi con piacevoli note olfattive di frutti rossi maturi, spezie e una leggera nota floreale. Al palato è ricco, dominato da frutti neri, prugna e ciliegia, rivela eleganza con una trama tannica setosa e una freschezza vibrante. L’equilibrio tra frutti neri, liquirizia e tabacco lascia un ricordo indimenticabile. Con note di tabacco, caffè, spezie e legno di cedro che si aggiungono nel finale facendolo risultare lungo e complesso ma soprattutto che invitano a un altro sorso.

Sveliamo adesso i vini lucani che si sono aggiudicati i TRE CAVATAPPI superando la selezione di vini degustati dai nostri commissari.

I vincitori sono organizzati per tipologia, denominazione o vitigno ed annata.

I migliori vini rossi della Basilicata

Aglianico del Vulture DOC

  • Vitis In Vulture – Aglianico del Vulture DOC “Le Querce” 2019
  • Cantine del Notaio – Aglianico del Vulture DOC “Il Sigillo” 2016

Aglianico del Vulture Superiore DOCG

  • Cantina di Venosa – Aglianico del Vulture Superiore DOCG “Carato Venusio” 2017
  • Tenuta i Gelsi – Aglianico del Vulture Superiore Riserva DOCG “Calaturi” 2017

L’Andamento Climatico e la Valutazione delle Annate (2016-2019)

Nel periodo dal 2016 al 2019, le condizioni climatiche hanno influenzato significativamente la maturazione delle uve e la produzione vinicola.

Nel complesso queste annate hanno offerto vini di qualità. Alcuni vini, eccellenti, si distinguono anche se occupano uno spazio limitato. In ogni caso la Basilicata continua a essere una regione vitivinicola da tenere d’occhio, per il suo terroir unico e per la passione dei viticoltori che si riflette nei calici di vino.

Analizziamo adesso nel dettaglio ciascuna annata:

2016: Un Anno di Stabilità

Il 2016 è stato caratterizzato da un clima stabile e moderato. Le temperature non hanno raggiunto estremi, favorendo la crescita uniforme delle uve. Le riserve idriche sono state adeguate, garantendo una buona salute delle viti. I viticoltori hanno potuto lavorare con tranquillità, ottenendo vini equilibrati e aromatici.

2017: Equilibrio e Qualità

L’anno 2017 è stato un periodo di equilibrio climatico. Le temperature sono rimaste nella norma, senza picchi di calore o freddo eccessivo. Queste condizioni hanno favorito la maturazione lenta e completa delle uve. I vini prodotti in questa annata sono stati apprezzati per la loro freschezza e struttura. I viticoltori hanno sfruttato al meglio le caratteristiche del terroir lucano, ottenendo vini eleganti e armoniosi.

2018: Un Anno di Contrasti

Il 2018 ha visto un inverno piovoso, che ha contribuito a mantenere buone riserve idriche nel suolo. Durante l’estate, le temperature sono state più elevate del solito, ma senza raggiungere livelli estremi. Questo ha portato a una maturazione anticipata delle uve, con un’alta concentrazione di zuccheri. I vini di questa annata sono stati potenti e strutturati, ma alcuni hanno mostrato una leggera mancanza di acidità. La selezione delle uve e una vinificazione attenta sono state fondamentali per ottenere risultati di qualità.

2019: L’Anno dell’Attesa

La 2019 è stata attesa con grande interesse. Il clima è stato simile a quello del 2015, con una primavera fresca e un’estate calda. Le riserve idriche hanno compensato il caldo anche se in alcuni vigneti è stato necessario gestire la siccità con attenzione. I vini di questa annata presentano una notevole carica alcolica e uno stile evolutivo volto all’invecchiamento. Molti produttori hanno scelto di prolungare l’affinamento in cantina per cinque anni, cercando di bilanciare la potenza con l’eleganza.

Per il momento è tutto.

Vi diamo appuntamento con la prossima regione ed i relativi TRE CAVATAPPI.

Letto 93 volte
Restiamo in contatto!
Ci piacerebbe restare in contatto per informarti di tanto in tanto delle nostre iniziative ed eventi di degustazione. Promettiamo di inviarti non più di 4 mail per anno.

Abbina cibo e vino
Il vino perfetto da abbinare a qualsiasi ricetta grazie all'algoritmo magicpairing.
SCARICALA GRATUITAMENTE